Comunicato Stampa

“Da Casa Nasce Cosa”, l’evento solidale online di raccolta fondi per l’acquisto di prodotti essenziali da donare ad alcune delle più deboli fasce sociali della città, ha permesso di raccogliere € 1525,00.

L’ente beneficiario, è stato il presidio attivato presso il centro “Le Ciminiere” dal Comitato di Catania della Croce Rossa italiana insieme alla Cooperativa Mosaico, alla Fondazione Èbbene e ad altre realtà della Protezione Civile, promotrici dell’attività principale di supporto ai “senzatetto” alla quale l’evento si è riferito.
Le donazioni, pervenute tramite la piattaforma “GoFundMe” nel rispetto della trasparenza e della accessibilità alla possibilità di donare, sono documentate dagli allegati ufficiali a questo comunicato.
L’associazione promotrice dell’evento, “Whole – Urban Regeneration”, tiene a sottolineare che la realizzazione di tale attività è stata frutto della sinergia e della collaborazione createsi tra tutte le realtà associative coinvolte e, soprattutto, alla generosità di tutti coloro che hanno offerto il proprio contributo economico per il sostegno di questa importante causa.
L’associazione “Whole – Urban Regeneration” ribadisce la propria sincera gratitudine nei confronti dei co-organizzatori e di tutti i partecipanti all’evento.

L’emergenza sanitaria COVID-19, nelle misure restrittive correlate, ha esposto gli esseri umani a margine delle società in una condizione di maggiore rischio poiché potenziali vittime di un abbandono ancor più pericoloso. Come fare a rimanere a casa senza pensare a coloro che una casa non hanno?
La città metropolitana di Catania, nelle sue contraddizioni e nella complessità del proprio tessuto socio-economico, si è esposta al sopracitato “abbandono pericoloso” consentendo, passivamente, l’emergere e l’accentuarsi di disparità e difficoltà economiche di individui singoli e famiglie in condizioni di vita marginalizzate.
In occasione dell’evento online “Da Casa Nasce Cosa” si è posta l’attenzione su tali emergenze, affrontandole con uno spirito positivo e di condivisione. È stato realizzato, così, uno spazio pubblico virtuale in cui poter percepire la socialità e la voglia di limitare gli effetti della marginalità e dell’esclusione sociali determinate dal forzato lockdown.
Concludiamo l’iniziativa “Da Casa Nasce Cosa” rinnovando, con le parole di Francesco Chiodelli, l’importanza del “diritto alla città”, manifestato attraverso processi di riappropriazione umana degli spazi anche attraverso il linguaggio della festa, con l’ausilio e il supporto di politiche pubbliche inclusive e accessibili a tutti.

“il diritto alla città, in questa fase di riflessione sulla vita quotidiana, ha il proprio corrispettivo nella festa inteso come una sorta di diritto alla fine della quotidianità alienata. […]” Il concetto lefebvriano di festa non si esaurisce in un riduzionismo ludico, ma trova la propria espressione in un processo di appropriazione, di continuità “tra le persone, i loro gesti, i loro atti, le loro situazioni e i loro discorsi”.
Francesco Chiodelli (2009), La cittadinanza secondo Henri Lefebvre: urbana, attiva, a matrice spaziale. Territorio

L’ente promotore
Whole – urban regeneration

Organizzazioni coinvolte:
Aegee Catania, Aigu Sbreks – Networking Event, Associazione Italiana Giovani per l’Unesco, Briganti di Librino, CDO Sicilia, CittàInsieme, Comitato Forza Danilo, Centro di Prossimità Èbbene-Mosaico, D21, Di Gianfranco Troina, Fabbrichiere, Generazione Y, Leo Club Catania Gioieni, Mani tese Catania, Metamedica, NuovAcropoli Catania, Talità Kum, Trame di quartiere, Yout hub Catania, Zona3.

comunicato dacasanascecosa